Rimani aggiornato. Ricevi la nostra newsletter.

05/11/2021
By
MJV Team

UX nell’era post-digitale: cosa cambia?

Capire l’influenza dell’isolamento sociale sulla costruzione di esperienze durante la quarantena e conoscere le sfide UI e UX in un mondo post-pandemico.

Secondo BBC News, si stima che 2,6 miliardi di persone hanno fatto o stanno facendo qualche forma di quarantena a causa della pandemia del coronavirus. Questo significa che un terzo della popolazione mondiale soffrirà le conseguenze dell’isolamento sociale.

Come risultato, possiamo vedere una serie di cambiamenti comportamentali – la maggior parte dei quali legati al consumo vertiginoso di prodotti e servizi digitali. Pertanto, è necessario ripensare la portata dell’esperienza digitale per costruire un’esperienza fluida e di valore, compreso il livello di maturità digitale dei nuovi arrivati.

E naturalmente, nessuno meglio dei professionisti dell’interfaccia utente (UI) e dell’esperienza utente (UX) può pensare a questo.

La pandemia ha aggiunto nuove variabili all’equazione. È necessario capire il nuovo contesto d’azione e ripensare il valore che l’UX sta portando agli utenti in questo momento, considerando le nuove richieste e urgenze.

Vuoi sapere quali sono i prossimi orizzonti dell’esperienza utente nell’era post-digitale? Allora rimani con noi fino alla fine!

UX in pandemia: cosa è cambiato?

Quando sperimentiamo processi, manifestiamo un’inclinazione positiva, neutra/corretta o negativa quando arriviamo alla fine del viaggio (quando raggiungiamo o meno il nostro obiettivo alla fine dell’azione).

L’UX studia e modella questi processi per costruire viaggi fluidi. L’obiettivo è che l’utente completi le azioni che vuole con interruzioni minime o ” impedimenti “.

Pensando a un’esperienza un po’ meno ovvia – quella che non avviene su uno schermo, prendiamo come esempio un’Unità di Risposta Audibile (ARU), che si contatta quando si chiama un call center. Dovresti vedere alcuni possibili touchpoint e tipi di interazioni come quelli elencati qui sotto:

  • Quali opzioni ti vengono date
  • Quanto velocemente sembrano risolvere il tuo problema
  • La gerarchia – se è davvero necessario passare attraverso 1 per capire 2
  • Il numero di menu (e sotto-menu)
  • L’azione che si svolge quando si seleziona ogni opzione

Tutto questo è UX.

Ma tornando al contesto attuale, con la popolazione raggruppata, le nostre vite hanno cominciato a svolgersi quasi interamente al chiuso. C’è una rassegnazione di questi spazi e le nostre routine sono state modellate in un unico luogo.

Quello che prima era un ambiente per il relax e il riposo ora è anche l’ufficio. E diventa il bar virtuale per gli happy hour a distanza. E anche la scuola dei bambini… In molti casi, anche la palestra. 

In questo contesto, le interfacce digitali e i vari schermi servono a eguagliare e sostituire le esperienze che una volta erano faccia a faccia – e a ricrearle, costruendo in realtà esperienze completamente nuove.

Pertanto, gli schermi sono come “finestre” che ci permettono il contatto con il mondo esterno.

Quindi, quale esterno vogliamo portare all’utente? Che tipo di sensazione vogliamo che abbia quando interagisce? Quali sono le nuove esigenze da soddisfare in questo contesto?

Una buona UX deve essere accessibile: il binomio digitale

Per esemplificare i cambiamenti a cui i designer di interfacce dovrebbero prestare attenzione per rendere le esperienze più aderenti a diversi tipi di pubblico – inclusi gli utenti che non sono digitalmente endemici – possiamo citare Jakob Nielsen.

Nielsen è uno dei maggiori esperti mondiali di UX e usabilità, e cita gli anziani come una parte importante di questa nuova fase dell’usabilità.

Improvvisamente, gli anziani hanno solo mezzi digitali per eseguire una serie di compiti quotidiani, dal possibile lavoro a distanza per la prima volta, all’approvvigionamento della casa, a tutte le transazioni bancarie.

Prima della pandemia, queste persone potevano contare su parenti, vicini o esperti di computer per aiutarli in questo binomio digitale o addirittura abbandonare lo smartphone e risolvere tutto per strada. Ma con la restrizione del movimento e il rigido isolamento per essere gruppo a rischio, sono da soli nella missione di digitalizzazione.

.

Qui sta, allo stesso tempo, l’importanza e la sfida di una buona UX: rendere l’esperienza digitale il più fluida possibile per i vari pubblici.

Avete mai pensato a quanto sia facile usare un’app di consegna di cibo, per esempio? Ma che dire dei vostri genitori o dei vostri nonni? Hanno la stessa facilità?

Per Nielsen, le piattaforme devono essere drasticamente semplificate se vogliamo ridurre questo tipo di divario digitale e responsabilizzare più persone.

Ecco 5 cambiamenti che possono aiutare molto l’accessibilità:

  1. pulsanti più grandi
  2. pulsanti che sembrano pulsanti
  3. illustrato passo dopo passo
  4. diminuire il numero di opzioni
  5. meno informazioni, più diretto

PS.: è importante ricordare che costruire interfacce ad alto contrasto aiuta non solo gli anziani, ma anche le persone con problemi di vista. Punto pro UX!

Riconfigurazione dei bisogni: nuove forme di consumo

Dopo alcuni mesi a casa, è possibile scoprire alcune informazioni sul cambiamento del consumo di prodotti e servizi digitali. Secondo una ricerca dell’Hollywood Reporter:

  • il consumo di videogiochi è aumentato del 75%.
  • la domanda di Duolingo, un’app per le lingue, è aumentata del 200%.
  • La domanda di Netflix è cresciuta del 52%, inducendo il servizio a diminuire la qualità dello streaming per soddisfare le richieste simultanee.

La pandemia come esperimento sociale

Il contesto è cambiato. È necessario capire che continuare a fornire lo stesso tipo di approccio di prima della pandemia significa rendere le soluzioni obsolete.

Secondo Elke Van Hoof, professore di psicologia e salute alla Vrije University in Belgio, la pandemia sarà un grande laboratorio per i cambiamenti comportamentali. Specialista in stress e traumi, il ricercatore tocca una questione delicata: i fattori psicologici devono essere considerati quando si progetta un’interfaccia. 

Vi ricordate la Piramide di Maslow, uno schema a forma di piramide che rappresenta i bisogni umani? La piramide è formata alla base dai bisogni più elementari e in cima dal riconoscimento sociale e dalle conquiste.


Gioca un ruolo importante in questa spiegazione. Il diagramma qui sotto rappresenta questa gerarchia di bisogni:

  1. Risultati personali – creatività, talento, sviluppo personale
  2. Stima – riconoscimento, status, autostima
  3. Sociale – amore, amicizia, famiglia, comunità
  4. Sicurezza – sicurezza della famiglia, del corpo, della proprietà
  5. Fisiologia – cibo, acqua, riparo, sonno

Ora notate: con un virus a piede libero e la mancanza di un vaccino, improvvisamente tutti coloro che erano abituati a transitare nelle sfere superiori, sono scesi di qualche casa e hanno cominciato a preoccuparsi della propria salute.

Cosa implica questo? Molti dei dati che avevamo sulla natura delle interazioni potrebbero diventare obsoleti in un batter d’occhio. Facciamo un esempio:

Sei un designer di interfacce che sta per rivedere l’esperienza di un’app durante la quarantena. Cosa faresti tu?

a) Approccio più diretto e semplice, dopo tutto, l’utente sta vivendo un contesto stressante e ha bisogno di praticità per risolvere i compiti.

b) Approccio più caldo, perché manca la convivialità, quindi gli utenti preferiscono usare il loro tempo libero per esplorare l’interfaccia, cercando una maggiore immersione.

Non c’è una risposta giusta. Entrambi sono percorsi possibili. Il nostro consiglio: il Design Thinking, e la sua preziosa fase di immersione, può aiutarti a prendere questa decisione.

User experience = benessere utente

La disciplina della UX va oltre la progettazione di belle interfacce. Si tratta di migliorare la vita delle persone e di aiutarle a raggiungere i loro obiettivi.

E durante una pandemia, l’obiettivo primario è mantenere l’utente al sicuro.

Nel momento in cui un’app come Ifood o Uber Eats suggerisce un tipo di consegna senza contatto per mantenere sani i fattorini e gli utenti, stanno facendo un passo indietro e aggiungendo un passaggio al loro processo – qualcosa che non era raccomandato in origine, ma che costruisce un’esperienza più sicura.

Un altro esempio sono le applicazioni che hanno usato interfacce informative per inviare un messaggio di consapevolezza agli utenti, che non è necessariamente legato al business. Questo è successo durante l’educazione sulle misure per combattere il coronavirus.

Questo tipo di azione può essere considerato un nudge, un tipo di architettura di scelta che rinforza un tipo di comportamento standard senza proibire altre scelte.

Generalmente, questi nudges sono guardati con sospetto dal grande pubblico. Ma la differenza sta nel favorire comportamenti di default più sicuri, soprattutto in questi tempi come quelli che viviamo, in cui abbiamo bisogno di pensare non solo in soluzioni user-centric ma soprattutto human-centered.

Il ruolo della UX nello sviluppo di prodotti e servizi

Durante i prossimi 12 mesi, dovremmo tornare gradualmente a condizioni normali di temperatura e pressione per quanto riguarda la ritrazione delle norme di isolamento sociale. Tuttavia, alcune abitudini acquisite durante la pandemia dovrebbero diventare parte del modus operandi della “nuova normalità”.

Con così tanti cambiamenti nei modelli comportamentali e di consumo in così poco tempo – e in contesti così complessi – la previsione per il mondo post-pandemico è che gli approcci user-centered saranno sempre più decisivi nel business. Avranno un ruolo chiave nell’interpretare le nuove priorità dei consumatori.

Ci sono correnti di pensiero che indicano un boom di investimenti tecnologici nelle aziende come un modo per sfruttare la caratteristica esponenziale della tecnologia per proteggersi dalla possibilità di una nuova crisi in futuro.

In questo modo, le aree UX e UI devono coesistere strettamente con le tecnologie emergenti come l’IoT e la Realtà Virtuale – poiché gli oggetti intelligenti e le esperienze EaD immersive potrebbero presto diventare accessibili su larga scala.

Questo cambiamento porterà grandi cambiamenti in tutte le fasi del viaggio dell’utente. Ora, gli utenti non saranno più limitati allo schermo del cellulare o del computer. Ci sono nuovi punti di contatto, nuovi attriti da scoprire. In breve, un mondo di nuove possibilità!

Un’altra tendenza è che la ricerca UX è sempre più guidata da intuizioni sui dati. La recente regolamentazione dell’Open Banking in Brasile è un’indicazione che le API aperte possono ottenere la luce verde in altri settori, facilitando il transito di informazioni tra le aziende, che guadagnano input per sviluppare prodotti e servizi più aderenti.

Il modo di lavorare cambierà. I comportamenti cambieranno. I KPI del vostro prodotto cambieranno. L’unica cosa che non cambia è l’essenza di una buona esperienza e i 

principi del design: architettura dell’informazione, composizione, equilibrio, gerarchia visiva, ricerca, leggibilità, navigazione, feedback, tra questi.

E se l’essenza viene mantenuta, il ruolo della UX sarà ancora una volta assicurato come protagonista del business nell’era post-digitale.

Back

Rimani aggiornato. Ricevi la nostra newsletter.