05/21/2021
By
MJV Team

Scopri le 7 fasi della pianificazione strategica

Se vuoi avere un 2021 che sia molto meglio del 2020, non hai altra scelta che elaborare un buon piano strategico. Segui i nostri 7 passi e prepara le tue idee oggi stesso. Accedi ora!

Il mercato non è mai cambiato così tanto in così poco tempo. L’espressione “da un giorno all’altro” ha cominciato a significare qualcosa che richiede molto tempo. Per questo motivo, la pianificazione strategica (o ri-pianificazione) è diventata l’asso nella manica per le aziende che si sono adattate rapidamente alla nuova normalità.

Era necessario adattarsi rapidamente, lasciando da parte il vecchio per sopravvivere alla costruzione del nuovo. Le soluzioni che risolvevano le nostre vecchie sfide non risolvono quelle che appaiono ora.

La verità è che tutto cambia, ogni secondo. Mentre leggete questa frase, sicuramente un gruppo di giovani nella Silicon Valley – o meglio, nella remota Silicon Valley – ha già trovato una soluzione a un problema che non sapevamo nemmeno esistesse.

Il cosiddetto nuovo normale non è nemmeno più così nuovo. Ed è qui per restare. 

Aziende, settori, paesi e persone si stanno adattando per sopravvivere. E se si vuole iniziare a progettare un futuro che sia davvero allineato con il momento in cui viviamo, è il momento di buttare la vecchia pianificazione e iniziarne una nuova, da zero. 

Ma non c’è da preoccuparsi! In effetti, ci sono molte possibilità e opportunità nel futuro che vengono con ogni cosa. Seguiteci per capire meglio da dove iniziare la vostra pianificazione strategica e come può guidare la vostra azienda verso il successo tanto atteso. Guardate qui!

Dichiarazione di valori, missione e visione

Per prima cosa, definiamo cosa sono ciascuno di questi elementi, ok? Per quanto lo sappiate già, non fa mai male ricordarlo. 

  • Mission : la ragione che giustifica l’esistenza della vostra società
  • Vision : dove l’azienda vuole andare a breve, medio e lungo termine
  • Values : sono i principi non negoziabili a cui la vostra azienda non rinuncia

Questi tre insieme costituiscono l’identità organizzativa della vostra azienda. Ed è di questo che parleremo. 

Non c’è dubbio che il cuore di ogni azienda è l’utente. Questo è il bene più prezioso. 

Il consumatore è più consapevole che mai. E anche più esigente. La ricerca di vincoli sempre più allineati con valori più sensibili crea dei precedenti per domande come: “cosa fanno le aziende che sia rilevante per il mondo?”.

C’è bisogno di superare le barriere dell’organizzazione stessa e di impegnarsi in missione, visione e valori che abbiano davvero un impatto positivo sul mondo. 

Vale la pena di annotarlo sul taccuino:

  • Immergiti in profondità – in profondità nel tuo business – e comprendi gli interessi della tua azienda e i modelli comportamentali del tuo consumatore. 
  • Il Design Thinking può aiutare molto in questa missione. Il DT traccia un panorama con tutte queste componenti per capire profondamente l’individuo attraverso le sue analisi. 

Più che mai, è necessario costruire un marchio, non una società.  Credetemi: lo scopo della vostra identità organizzativa ha sempre più potere nella decisione di acquisto. 

Quindi, è essenziale basare la vostra comunicazione e relazione sulla verità per conquistare il cuore dei nuovi clienti e mantenere la fiamma accesa con quelli vecchi. 

Quindi non hai dove scappare: inizia la tua pianificazione strategica costruendo una solida identità organizzativa che abbia davvero senso, che sia collegata alla tua verità. In questo modo, diventa più facile diffondere questa cultura tra i vostri dipendenti e rimanere sempre allineati con essa.

Analisi dell’ambiente esterno

Affinché la vostra pianificazione strategica funzioni e abbia senso, dovete essere in linea con ciò che sta accadendo intorno a voi, quali sono i movimenti del mercato e dei consumatori.

Così, è necessario fare un’analisi costante delle opportunità e delle minacce che permeano il vostro business. Tutte le aziende sono costantemente influenzate da queste due forze: opportunità con effetti positivi e minacce con effetti negativi.

Qual è il modo migliore per sfruttare le opportunità e mantenere le minacce nell’ambiente esterno? La risposta è nel prossimo paragrafo. Date un’occhiata!

Analisi dell’ambiente interno

Può non sembrare, ma è relativamente semplice. Ricordate che abbiamo parlato della vostra identità organizzativa e di come doveva essere solida? Ecco perché: sarà la base per un ambiente interno capace di resistere alle debolezze della vostra azienda.

La forza della vostra azienda è direttamente collegata all’ambiente interno. Rappresenta i vostri punti di forza e il modo in cui affrontate gli impatti. Quali fattori influenzano questo ambiente interno? Adattabilità, flessibilità, resilienza e agilità. 

E come ci aiutano questi fattori? Con la velocità nell’apprendimento e nel prendere decisioni. Per sopravvivere, è necessario sviluppare la capacità di adattarsi rapidamente ed efficacemente a tutte le forme di cambiamento. 

Analisi della situazione attuale

Ora che hai capito l’ambiente esterno e quello interno, è il momento di capire la situazione attuale della tua azienda, con le sue risorse e difficoltà.

Vedi, qui c’è una differenza importante tra l’ambiente interno e la situazione attuale. L’ambiente esterno è composto da punti di forza e di debolezza, e questi non hanno necessariamente a che fare con la situazione attuale.

La situazione attuale cambia secondo un certo numero di variabili. E sono queste variabili che valuterai con i dati. Sì, perché i dati non mentono. 

È anche in questo momento che si stabiliscono i famosi KPI (key performance indicators). 

Mettendo insieme dati e KPI, si ottiene una panoramica dei risultati della vostra azienda. Questi sono gli indicatori centrali del successo (o meno) delle vostre azioni. 

Fissare scopi e obiettivi

Questo è il momento in cui si definisce dove la vostra azienda vuole andare. Naturalmente, il cielo è il limite, ma andiamo per parti, ok? Fissare obiettivi e traguardi reali e raggiungibili è essenziale per non essere frustrati dalle aspettative.

Per questo, sii intelligente e pensa a seguire lo standard SMART (capisci il gioco di parole?).

In questo senso, dobbiamo sottolineare una cosa molto importante della pianificazione strategica: è parte di un processo infinito. Ogni pianificazione è unica e fa parte di un ciclo di mete e obiettivi. 

Conoscete quella vecchia storia del “quando raggiungeremo l’obiettivo, raddoppieremo l’obiettivo”? Questo è esattamente ciò che ha senso per una buona pianificazione. 

Avete raggiunto la meta e l’obiettivo? Se sì, allora cancella il tuo piano e riavvia il ciclo. Sì, rifate l’intero processo per creare nuovi obiettivi e nuovi business plan per il periodo successivo. 

E se si dipinge una crisi in mezzo alla strada – come è avvenuta la pandemia globale di Covid-19? Saremo preparati per quel momento? La risposta è “sì”. E diciamo come: attraverso la pianificazione di un Business Continuity Plan.

Il PCN è la risposta a questo tipo di problema ed è ciò che ci mette sempre un passo avanti. 

Fondamentalmente, il piano aiuta a sviluppare azioni per proteggere il nucleo dei compiti aziendali essenziali. Con questo, garantiamo che le operazioni continuino a funzionare anche quando affrontiamo momenti di incertezza. 

Vuoi capire meglio cos’è il PCN e conoscere alcuni strumenti che possono aiutarti a salvaguardare il tuo business in tempi di crisi? Accedi subito al nostro ebook e preparati! 

Definire la strategia

Il percorso è stato tracciato, ora è il momento di definire la strategia per raggiungere le mete e gli obiettivi. Ricorda: senza una strategia ben definita che possa essere seguita, non si va molto lontano. 

Ma vi starete chiedendo: come faccio a sapere se ho definito una buona strategia? Calmatevi! Il guru del management Michael Porter vi aiuterà. Secondo lui, ci sono 3 strategie di base:

  • Differenziazione: la tua attività deve essere un punto di forza tra i concorrenti, avrà un chiaro elemento di differenziazione. Qui, i vostri prodotti o servizi devono essere esclusivi, di qualità unica e incomparabile. 
  • Leadership a basso costo: qui la regola è semplice: vincere il mercato offrendo un prezzo più basso dei vostri concorrenti. 
  • Leadership a basso costo: qui la regola è semplice: vincere il mercato offrendo un prezzo più basso dei vostri concorrenti.

Vedi: una buona strategia può essere il vantaggio competitivo della tua azienda. Tuttavia, c’è qualcosa che deve essere portato in primo piano: la vostra identità organizzativa. E, naturalmente, anche il tuo pubblico di riferimento. Altrimenti, la vostra strategia non funzionerà – almeno non a lungo.  

Feedback e Controllo

Ultimo ma non meno importante. In effetti, questo passo è molto importante. E, credetemi, è spesso trascurato da manager e team.

Tuttavia, a cosa serve passare attraverso tutti questi passi, fare un piano strategico solo per finire per essere invidiosi e non monitorare ciò che viene messo in pratica? Come farete a sapere se avete centrato bene l’obiettivo o l’avete solo sfiorato?

  • Per sapere se tutto si sta evolvendo correttamente come previsto, è necessario raccogliere costantemente feedback e controlli.
  • Per calibrare le vostre strategie, feedback e controlli sono costantemente necessari. 

Questo è ciò che permetterà un miglioramento continuo e il raggiungimento di risultati ancora più espressivi che generano sempre più valore per il vostro business. 

La regola è chiara: pianificare è necessario! 

Inoltre, è fondamentale. Speriamo che la nostra guida passo dopo passo vi aiuti a far decollare la vostra pianificazione strategica e a raggiungere risultati ancora più esponenziali.

Ma ricorda: non tenere il tuo piano nascosto, ok? Deve essere sempre visibile per due motivi: 

1 – Deve essere condiviso con tutti i membri del tuo team

2 – Deve essere modificato e aggiustato in tempo reale, man mano che gli scenari cambiano. La pianificazione effettiva si fa ogni giorno dell’anno. 

A questo proposito, abbiamo 3 consigli importanti:

  • Creare soluzioni per integrare e visualizzare i dati 
  • Valutate e convalidate le vostre azioni e tenete tutte le informazioni a disposizione di tutti, niente di meglio che avere un Dashboard. 
  • Le routine di monitoraggio delle metriche generano intuizioni preziose per la vostra strategia aziendale e gli adattamenti della pianificazione.

Non ha senso avere un processo decisionale strategico se non è veramente veloce ed efficace per i vostri clienti. E ricordate: sono i beni più grandi e preziosi della vostra azienda. 

E se stai cercando una pianificazione strategica che sia ancora più assertiva e che generi valore per la tua azienda o se hai qualche domanda su come iniziare la tua, visita la nostra biblioteca e dai un’occhiata ai nostri contenuti. Ci sono un mucchio di cose interessanti e siamo sicuri che i nostri materiali ti potranno aiutare molto. 

Buona pianificazione e buona lettura! 

Back

Rimani aggiornato. Ricevi la nostra newsletter.