04/06/2021
By
MJV Team

Le prossime sfide nell’area della Logistica e della Supply Chain: cosa prevede il post-pandemia

La sfida del presente è costruire il nuovo. Può sembrare romantico, ma è la pura verità. E credetemi, è successo in altri momenti della storia.

L’ignoto e la vulnerabilità sono molto scomodi. Pertanto, i momenti di transizione sono talvolta visti come crisi, lasciando andare il potenziale innovativo che portano con sé. 

Per capire un po’ di più su ciò che accade (e può accadere) nell’area della Logistica e della Supply Chain, condivideremo alcuni spunti dal nostro team di Futures Design and Anticipatory Innovation.

Prossima sfida: Logistica e Supply Chain 

La grande domanda nei settori della logistica e della supply chain è il fatto che è molto più economico per il mercato tornare al modello in cui eravamo prima: il 30% del mondo ha prodotto tutto in Cina per ridurre i costi di gestione. 

Ma non è troppo semplicistico rispondere solo con un sì o un no a questa domanda? La risposta è sì. 

Questo modello che conosciamo è fortemente dipendente dalla globalizzazione. Qualsiasi ragione che faccia fermare la globalizzazione – come una pandemia – anche per il mondo. Solo che, in questo caso, nessuno può scendere. 

Questa paralisi va oltre la questione dell’economia locale. Oggi c’è l’interruzione, quasi completa, della produzione di beni e risorse per produrre quei beni. Almeno nel modo in cui siamo abituati a vederla: su larga scala e in Cina.  

Cosa c’è di incerto?

Condividiamo le polarità che identifichiamo nell’incertezza dell’aspetto della logistica e della supply chian in questo contesto pandemico e anche nel post-pandemia. Andiamo! 

POLO A

  • Come possiamo garantire l’igiene, la salute e la non contaminazione delle merci in termini di logistica di spedizione?
  • Il ritorno al modello cinese globalizzato – il più economico finora – che ci ha portato a una serie di problemi – inquinamento, città sovrasature, smaltimento non efficiente dei rifiuti, sfruttamento delle risorse – è un futuro sostenibile?  Vale la pena notare che anche prima del COVID-19, era consuetudine trovare persone che indossavano maschere per le strade cinesi, la città era già irrespirabile. 

POLO B

  • La società ha paura di questo modello di produzione centralizzata in Cina e cerca il modo di avvicinare le industrie a casa propria, o anche la ricerca di nuovi fornitori locali di beni e risorse. 

Il costo per portare la produzione in casa sarà elevato, poiché le infrastrutture non sono ancora pronte e la società è preoccupata di dover affrontare di nuovo questa paralisi. Tuttavia, anche se sarà costoso, permetterà la creazione di nuovi posti di lavoro, contribuendo a riscaldare l’economia nel post-pandemia. 

  • Per completare la scelta del futuro che si vuole costruire, porteremo alcune tendenze molto rilevanti quando il compito è quello di ripensare e ridimensionare il modo più sostenibile per la logistica e le operazioni della supply chain. 

Punti di attenzione: cosa è importante annotare nel taccuino 

Economia Circolare

Prima di iniziare a parlare di questa economia più consapevole, chiariamo una cosa: l’economia circolare non è contro il capitalismo o i sostenitori del profitto.  Al contrario, c’è una moltitudine di opportunità di business rese invisibili dalla logica lineare, che pensa solo al core business – quello che ci ha portato qui. 

La forza trainante di questa struttura risiede nella sua capacità di generare un impatto positivo sulla società e sull’ambiente, mentre le imprese si sviluppano e traggono profitto. In poche parole, l’economia circolare guarderà al modo in cui produciamo, consumiamo e scartiamo. Ma non pensate che sia solo questo, quello che abbiamo qui è una mentalità, una nuova Rivoluzione Industriale. 

Ambiente 

In media, i beni fisici che vengono consumati hanno solo il 5% della materia prima utilizzata per produrli. Sì, sono necessari 20 volte più input perché i prodotti siano pronti per gli scaffali. È abbastanza ovvio quello di cui parleremo qui, ma è necessario: le risorse sono limitate, e la società lo sente nella sua pelle. 

Per drenare la produzione dal mondo, i sistemi di trasporto aereo, marittimo e terrestre sono sovraccarichi, generando sempre più inquinamento.

Per non parlare della lotta per una società libera dalla schiavitù della plastica – più della metà degli imballaggi di tutti i prodotti del mondo sono fatti di questo materiale. Si stima che entro il 2050 ci sarà più plastica che pesci negli oceani. 

Nuovi modelli di business 

La nuova economia è già lì! Comprendere che il cambiamento è una priorità. Alcune anticipazioni di ciò che dovrebbe essere ripensato: 

  • La tecnologia è l’epicentro. È la tecnologia che può promuovere le perturbazioni necessarie alle imprese per assumere un ruolo guida nel loro mercato e persino per creare nuovi mercati da guidare. 
  • Ci stiamo dirigendo verso la fine della competizione feudale. E questo grazie soprattutto a GAFA (Google, Amazon, Facebook e Apple), i 4 giganti che dettano le regole del mercato quando si tratta di tecnologia all’avanguardia e viziano i loro utenti con esperienze piacevoli. 

Non c’è via di scampo dalla migrazione a questa nuova logica:

  • Più ecosistema e meno affari
  • Più abbondanza e meno penuria
  • Più orizzontale e meno verticale

Anche la cultura guadagna molto protagonismo. È la cultura che fa sì che la trasformazione avvenga. Dopotutto, tiene la direzione dell’azienda, quando nessuno è nella stanza a guardare. Sì, questo è il DNA; la cultura solo sulla carta non cambia nulla. 

Vale la pena di pensare a un sovrano della trasformazione che ci porta dall’economia classica a quella post-digitale.

  • Economia classica: modello piramidale. Ampia cupola alta. Gestione più centralizzata – dall’alto verso il basso.  Più lineare e industriale. Molti sono già digitalizzati, il che non significa che funzionino con una mentalità digitale. 
  • Economia digitale: piccola, snella, leggera e innovativa. Essendo più piccoli, hanno una leadership più decentrata, il che fornisce molta efficienza. L’automazione e l’intelligenza artificiale sono alla base della gestione. L’era delle startup ha cambiato molto il volto delle aziende e questo tipo di modello di business non è una novità. 
  • Economia post-digitale: questo è il punto di arrivo del percorso di trasformazione dei modelli di business, per ora. Qui abbiamo aziende virtuali. Sì, esistono se ci sono persone che lavorano; ma se non ci sono, non esistono. Anche il loro ciclo di vita è diverso da quello che conosciamo: l’alto vertice investe per un po’ di tempo e poi lascia l’eredità alla società. Non c’è gestione, tutto è fatto di tecnologie emergenti, come la blockchain. 

Industria 4.0 

La Quarta Rivoluzione Industriale è il fenomeno dell’adozione di strumenti, risorse e servizi tecnologici innovativi per ottimizzare la gestione dei più svariati aspetti industriali. 

Questo include tutto, dalla progettazione all’automazione dei processi di produzione, attraverso la catena di fornitura, tra gli altri aspetti della vita operativa e amministrativa quotidiana.

Gli esperti indicano quattro forze principali che guidano il movimento:

  1. Incredibile crescita del volume dei dati (Big Data)
  2. Emersione di strumenti, risorse e metodi per l’analisi dei dati
  3. Le possibilità innovative dell’interazione uomo-macchina
  4. Miglioramenti nel trasferimento delle istruzioni digitali al mondo fisico

Rendetevi conto che non si tratta semplicemente di implementare strumenti per automatizzare i processi aziendali. È qualcosa di molto più profondo e superiore alla semplice automazione. 

Obiettivo 

L’era dell’esperienza dell’utente acquista ancora più importanza in tempi di transizione. Il consumatore rimane più consapevole che mai. 

La ricerca di collegamenti sempre più allineati a valori più sensibili apre i precedenti per domande come “cosa fanno le aziende per essere rilevanti per il mondo?

Nasce l’esigenza di superare le barriere dell’organizzazione stessa e di impegnarsi in una missione che abbia un impatto positivo sul mondo. 

Nuovo Consumatore

Da un po’ di tempo ormai i consumatori chiedono di più alle marche in cambio del loro cuore (e del loro denaro, naturalmente!). I prodotti e i servizi da soli non sono sufficienti per sviluppare un’attività redditizia e sostenibile per lungo tempo.

Sempre più spesso i clienti tendono a rifiutare i prodotti generici e massificati, sono consapevoli dell’impatto negativo che l’esasperazione dei consumi provoca nel mondo e cercano già di consumare dai piccoli produttori che li circondano. 

Il motivo di ciò è già stato menzionato in questa sede. Vive esattamente in quattro lettere: GAFA. Il modello non è altro che l’effetto causato nella società da Google, Amazon, Facebook e Apple. I quattro giganti della tecnologia hanno abituato i loro utenti ad avere qualcosa nel palmo della mano: con un solo clic sullo schermo di uno smartphone. 

Soluzioni per il futuro della Logistica e della Supply Chain 

Il momento richiede un nuovo sguardo al futuro – preferibilmente in modo ottimistico. Pensando a come possiamo costruire un futuro molto più desiderabile, allineato a valori più sensibili che stanno diventando sempre più parte della nostra vita. 

Se volete co-creare dei futuri per la vostra area logistica e della supply chain, abbiamo elencato alcuni passaggi che possono aiutarvi molto.

Costruire la conoscenza

Qualunque sia la vostra scelta, dovete scavare a fondo e capire il cambiamento che la vostra azienda dovrà fare per operare in questo nuovo modello. Identificate quali tecnologie possono migliorare i vostri processi e rafforzare o addirittura creare la cultura del vostro business. 

La tecnologia è l’epicentro. È la tecnologia che può promuovere le perturbazioni necessarie alle imprese per assumere un ruolo guida nel loro mercato e persino per creare nuovi mercati da guidare.  

I fornitori di ecosistemi sono qualcosa di vitale per il core business della produzione. Oggi, la maggior parte di loro si trova in Cina. Ma portare tutta o parte della vostra produzione vicino a voi richiederà un nuovo portafoglio di fornitori. 

L’Open Innovation è un metodo di collaborazione esterna che può aiutare molto in questo compito. 

  • Consente alle industrie e alle aziende di promuovere idee, ricerca e processi aperti per sviluppare soluzioni innovative  
  • Promuovere l’accesso ai mercati e al pubblico dove i partner hanno più aderenza e la società ha una partecipazione limitata
  • Abilitare nuove opportunità di business attraverso attività di R&S non sfruttate internamente per mancanza di know-how fino a raggiungere la riduzione dei tempi e dei costi di prodotti e servizi

Dati 

Impianti a trasmissione dati, questo è il settore 4.0. 

Il modo è:

  • Investire in tecnologia per aumentare la produttività
  • Ridurre i costi di manutenzione delle apparecchiature e il consumo di energia

Vi starete chiedendo cosa giustifica tutto questo investimento? L’aumento dell’efficienza del lavoro. 

L’Internet of things diventa fondamentale per garantire la capacità di comunicazione tra sistemi cyber-fisici (supporto di parti, stazioni di assemblaggio e prodotti), persone e fabbriche intelligenti. 

Permette, con tutti i dati raccolti, di migliorare i processi e il processo decisionale nei momenti chiave come quello che stiamo vivendo ora.

Governance dei dati 

 La Data Governance è l’esercizio dell’autorità e del controllo (pianificazione, monitoraggio e ispezione) sulla gestione del patrimonio di dati.

La mancanza di un’efficace governance dei dati all’interno di un’azienda garantisce una cosa: l’esistenza di dati sbagliati, che creano una base informativa piena di intuizioni sbagliate. Questi dati si manifestano in definizioni incoerenti, duplicati, campi mancanti, ecc. 

Quando arriverà il nuovo?

Zygmunt Bauman chiama questo traffico che viviamo in un’epoca di interregno. Siamo tra ciò che non lo è più e ciò che non lo è ancora. Il vecchio modello non ci serve più e quello nuovo non è ancora pronto. 

Ma state tranquilli! Crediamo che molte cose cambieranno in meglio all’interno di questo scenario di caos e di collasso. Per questo, sono necessarie disciplina e resilienza per sostenere queste transizioni fino a quando non saremo completamente adattati. 

Sappiamo che costruire questa nuova normalità è una grande sfida. Non sarà facile, ma è possibile. Per fare questo, noi di MJV abbiamo fatto un grande esercizio di riflessione su come possiamo imparare e fare queste trasformazioni insieme. Siamo concentrati su un progetto molto ampio che si chiama Post-Normalità.

In questo modo, stiamo portando tutte le implicazioni di ciò che Covid-19 significa in diversi settori per cercare di capire quali nuove forme di organizzazione possono emergere dalla sua diffusione. 

Cogliamo l’occasione per lasciare qui un invito. Vogliamo costruire insieme la nuova normalità? Prima che la costruiscano per noi. 

Back

Rimani aggiornato. Ricevi la nostra newsletter.