04/29/2020
By
MJV Team

Futuro del lavoro: come sarà il ritorno negli uffici?

Questa domanda è più carica di significato di quanto sembri. Quindi, per immergerci in questo tema, è necessario scomporre le tante altre domande che ne derivano.

Le prime domande che dovrebbero sorgere – e che accompagnano tutte queste trasformazioni che stiamo vivendo – sono le seguenti: 

  • Cos’è il futuro? 
  • Cos’è il lavoro?
  • Ci sarà un ritorno? 
  • A quali condizioni?

Viviamo in un momento di incertezza. E l’insicurezza è insita negli esseri umani, soprattutto in queste condizioni. Ognuno guarda al futuro senza poter rispondere o avere la minima idea di dove esso punti. 

La soluzione è guardare al futuro – preferibilmente in modo ottimistico – per pensare al futuro e a come possiamo costruire insieme e in modo collaborativo un futuro desiderabile.

Il mondo post-normale

A causa dell’isolamento sociale e aziendale, uno degli aspetti principali del mondo post-normale è che stiamo tornando ad un’umanità, cessando di essere persone, delle maschere sociali e diventando più veri. Ma ci sono diversi dilemmi su ciò che è e ciò che diventerà la nostra nuova normalità. 

Ritorno agli uffici?

All’interno del Futurismo, affrontiamo questo problema mappando le incertezze. Questo è il primo passo.

Qui ad MJV stiamo lavorando ad un progetto molto ampio che si chiama Post-Normal. In questo modo, stiamo portando tutte le implicazioni di ciò che Covid-19 significa in diversi settori per cercare di capire quali nuove forme di organizzazione possono emergere dalla sua diffusione. 

Abbiamo mappato 4 incertezze. E ognuna di esse ha due polarità. 

Andiamo a controllare!

futuro del lavoro | MJV Technology & Innovation

Collaborazione e coesistenza a distanza

Come ci relazioniamo? 

Come saranno queste nuove relazioni che oggi accadono solo a distanza? 

  • Polarità A: PERDITA DI CONFIDENZA, DISTANZA E SILOS

È la vecchia mentalità che se non vedo la persona al suo tavolo, non mi fido del fatto che stia effettivamente lavorando. Questo causa una distanza ancora maggiore – spesso tra persone che erano già lontane. 

I dipendenti iniziano a interagire solo con le persone a cui sono più vicini e con cui lavorano direttamente. 

Questo perché non siamo addestrati a lavorare virtualmente. Secondo l’Harvard Business Review, solo il 30% delle aziende fornisce formazione ai propri dipendenti su come interagire con gli strumenti digitali.

Tuttavia, questa formazione si concentra solo sull’uso del software, la parte tecnica. In altre parole, quasi nessuno si concentra sull’uso comportamentale. In questo modo, la domanda rimane: come avremo nuove interazioni? Come affronteremo il sociale? 

  • Polarità B: NUOVE AZIONI, INTELLIGENZA VIRTUALE

È un dato di fatto: svilupperemo nuove competenze. Harvard Business Review l’ha chiamato Virtual Intelligence: Lavoriamo in modo sano nell’ambiente virtuale. 

Tuttavia, per imparare a costruire insieme, anche se lontani, abbiamo bisogno di essere istruiti, poiché non è nella nostra natura questa forma di collaborazione. 

  • Produttività e gestione del tempo a casa

Com’è la gestione del tempo?

Come possiamo condividere la nostra routine senza essere in ufficio? 

Polarità A: da 9 a 18

Si crede che una volta che la pandemia sarà finita, tutti torneranno alla routine di lavoro entro l’orario di lavoro nei rispettivi luoghi di lavoro. Tuttavia, la nostra futuristica Bibiana Bosak lo trova improbabile. 

Ritiene che, visto lo scenario che stiamo vivendo in altri paesi del mondo, anche se l’isolamento sociale non sarà più obbligatorio, l’allontanamento sociale sarà fondamentale. Forse per un tempo più lungo di quanto si fosse immaginato all’inizio della pandemia. 

  • Polarità B: UFFICIO CASA: IL NUOVO NORMALE

Il lavoro a distanza come il nuovo normale presenta alcune sfide per le aziende centralizzate, con molte riunioni e una gestione molto dura. Richiede anche sicurezza (come abbiamo sottolineato nella precedente incertezza), routine e trovare il modo di lavorare con persone che non sono dalla nostra parte.

NOTA: Qui c’è un futuro che si chiama D.A.O. (Organizzazione Autonoma Decentrata). Ed è in questa direzione che andremo possibilmente a camminare: vivere e lavorare in rete. 

Leadership e pianificazione

Come saranno strutturate le attività?

Come le affronteranno i livelli C e le commissioni?

  • Polarità A: CORRERE DIETRO ALLE CONSEGNE A BREVE TERMINE 

È la polarità dell’emergenza: fare ciò che è possibile e non lasciare che si ripeta.

  • Polarità B: STRATEGIE DI ANTIFRAGILITÀ’ E INNOVAZIONE

Dall’apprendimento che stiamo avendo in questo momento, dobbiamo cercare strategie di antifragilità di fronte a scenari avversi che causano qualche minaccia. 

C’è un bisogno latente di iniziare a pensare alla gestione del rischio, alla gestione delle crisi e di guardare al futuro. 

Nuove competenze

Quali nuove competenze emergeranno in questo contesto?

  • Polarità A: ACCELERAZIONE DELL’ASSOLUZIONE PROFESSIONALE

Quando si inizia a parlare di automazione, robotica, intelligenza artificiale, è naturale che i professionisti si interroghino sulle proprie funzioni. 

Cosa mi succederà? Dove mi inserirò? 

  • Polarità B: NUOVE ESIGENZE, COMPETENZE E PROFESSIONI

A lungo termine (che non è poi così lungo), avremo la capacità di adattarci. E questo è ciò di cui abbiamo più bisogno in un momento di crisi.  

Guarda: non stiamo dicendo che qualcuno perderà il lavoro, ma può darsi che le funzioni cambieranno completamente. E poi è il momento di guardarsi dentro e chiedersi quale sia il contributo delle nostre capacità in questo scenario – al di là del ruolo che già occupiamo, naturalmente! 

Il nuovo normale

Di fronte a tutte queste incertezze, la frase che meglio definisce la nostra nuova normalità è: 

“La tecnologia non eliminerà il lavoro, ma eliminerà il lavoro”. 

                                                  Gioia rosa

Non avremo più alcuni costi che oggi consideriamo invisibili (ad esempio lo spostamento, l’ora di pranzo, i conflitti di orario, ecc. )

Molte cose cambieranno in meglio all’interno di questo caos e crolleranno. Per questo, sono necessarie disciplina e resilienza per sostenere questi cambiamenti fino a quando non ci saremo adattati al 100%. 

La nostra caratteristica principale come esseri umani è la nostra capacità di immaginare e di adattarci. Ed è per questo che possiamo costruire tutto quello che abbiamo costruito finora. Quindi, sì, potremmo immaginare nuove forme e immaginare nuovi formati per la realtà dell’insicurezza che ci si presenta. 

Sappiamo che costruire questa nuova normalità è una grande sfida. Per questo, noi di MJV abbiamo fatto un grande esercizio di riflessione su come possiamo imparare e fare insieme la Trasformazione Remota. 

Cogliamo l’occasione per lasciare qui un invito. Più che un invito, una necessità, perché, nonostante l’isolamento sociale, nessuno sarà in grado di farlo da solo. 

E allora? Vogliamo costruire insieme il nuovo “normale”? 

 

Back