Pensiero sul progetto

Pensiero sul progetto è un approccio strutturato all'innovazione che pone l'accento sull'essere umano e cerca di generare soluzioni che allineino il desiderio e le esigenze del consumatore / utente con la generazione di valore per la società.

1.

Cos'è il pensiero sul progetto?

What is Design Thinking?

Il progetto è spesso associato all’apparenza estetica, ma il suo vero scopo è promuovere il benessere nella vita delle persone. Pertanto, il modo in cui le progettiste percepiscono il mondo che li circonda e agiscono su di esso ha attirato l’attenzione dei manager, aprendo nuove strade per l’innovazione degli affari.

Il progettista vede tutto ciò che altera o impedisce una buona esperienza (emotiva, cognitiva o estetica) e il benessere nella vita delle persone come un problema, tenendo conto di aspetti come il lavoro, il tempo libero, le relazioni e la cultura. Il compito principale del progettista è identificare questo tipo di situazione e generare soluzioni.

Questo comprende la diversa natura di questi problemi e sa che per risolverli è necessario mappare la cultura, i contesti, le esperienze e i processi personali nella vita degli individui per ottenere una visione olistica delle difficoltà e generare alternative per superarle. Investendo gli sforzi in questa mappatura, il progettista può identificare le cause e le conseguenze delle difficoltà ed essere più deciso nella ricerca di soluzioni.

Per identificare i problemi reali e risolverli in modo più efficace, è necessario affrontarli da diverse prospettive e angolazioni. Pertanto, dà la priorità al lavoro collaborativo tra le squadre multidisciplinare, che portano diverse prospettive e offrono diverse interpretazioni sull’argomento e, quindi, soluzioni innovative.

Inoltre, come suggerisce il nome, il termine: pensiero sul progetto si riferisce al modo di pensare del progettista, che è piuttosto non convenzionale nell’ambiente d`affari: il pensiero abduttivo. Questo metodo consiste nel formulare domande attraverso l’osservazione o la comprensione dei fenomeni. Cioè, alle domande a cui viene data risposta con le informazioni raccolte durante l’osservazione dell’universo che permea il problema. Quindi, pensando in modo abduttivo, la soluzione non viene dal problema: si adatta a esso.

Non è possibile risolvere i problemi con lo stesso tipo di pensiero che li ha creati: sfidare le regole d`affari è la base del pensiero sul progetto. Pensando in modo abduttivo, il progettista sfida costantemente i propri standard, confermando e confutando le congetture. È questa capacità di sbarazzarsi delle verità preconcette che consente al progettista di rimanere “fuori dagli schemi”.

2.

Pensiero sul progetto: perché è importante per la tua società?

L’innovazione basata sul progetto è emersa nel mondo degli affari per catalizzare la visione del mercato secondo cui per innovare era necessario sviluppare o integrare nuove tecnologie, concentrandosi sull’ampliamento dello spettro delle prestazioni.

Oltre a questi fattori tecnologici e di marketing, il processo di pensiero sul progetto consente alle aziende di innovare principalmente attraverso l’attribuzione di nuovi significati a prodotti, servizi o relazioni.

Il metodo di pensiero sul progetto consente la creazione di idee imprenditoriali innovative in modo sistematico e organizzato, offrendo un nuovo modo di pensare alla risoluzione dei problemi, portando l’utente al centro della discussione. Conoscendo i loro desideri, bisogni e preoccupazioni, la metodologia propone soluzioni più assertive per il cliente finale e che aggiungono valore agli affari.

Design Thinking: why is it important for your company?

Ciò che rende il pensiero sul progetto così efficace è il suo approccio centrato sull’uomo. Attraverso un processo strutturato in diverse fasi, questo metodo porta alla trasformazione nelle società, contribuendo a creare una cultura dell’innovazione, l’impegno delle sue squadre, lo sviluppo di progetti più assertivi e una maggiore relazione costi-benefici nello sviluppo di un prodotto / servizio.

3.

Qual è lo scopo del pensiero sul progetto?

Il mercato sta cambiando in ogni momento e le aziende devono essere preparate per nuove sfide della società e significati diversi per prodotti e servizi.

Oltre ad aiutare nel processo di adattamento, l’innovazione promossa dal pensiero sul progetto offre una visione olistica e strumenti indispensabili per l’identificazione di opportunità e rischi.

Il pensiero sul progetto è la proposta di valore dell’applicazione del pensiero creativo nel contesto d`affari. È una nuova pratica di mercato che discute e combina soluzioni innovative attraverso la premessa che non è possibile risolvere un problema con lo stesso ragionamento che lo ha creato.

La metodologia conferisce valori importanti per la creazione di una cultura dell’innovazione, come la collaborazione, l’empatia, la co-creazione, la tangibilità e i test. Il pensiero sul progetto può essere utilizzato in qualsiasi contesto d`affari e funge da catalizzatore per altri approcci, come il metodo Agile, snello avviamento e la gamificazione.

Iscriviti per ricevere i nostri aggiornamenti

Compila il modulo per ricevere i nostri contenuti più recenti

4.

Processo di pensiero sul progetto

Design Thinking process - Design Thinking Page - MJV Technology & Innovation

 Un pensiero sul progetto prevede la raccolta di informazioni su problemi reali degli utenti finali, la comprensione del loro percorso e la proposta di soluzioni tangibili. Il processo è suddiviso in cinque fasi: immersione, analisi e sintesi, ideazione, prototipazione e implementazione.

Innanzitutto, esiste una ricerca di contestualizzazione del problema definito delle parti interessate della società, la raccolta di dati e la formulazione di ipotesi. Successivamente, vi è l’analisi dei dati raccolti e la riformulazione della situazione iniziale basata sulla trasformazione di questi dati in informazioni pertinenti.

Il terzo passo è l’organizzazione di sessioni di brainstorming collettivo e l’uso di strumenti per creare soluzioni innovative. Successivamente, vengono eseguiti periodi di prova per convalidare il valore delle idee per il cliente finale.

Alla fine del processo, le idee vengono perfezionate e implementate, assicurandosi che possano essere sviluppate. Dai un’occhiata alle fasi dettagliate del processo di pensiero sul progetto di seguito.

Immersione
La prima fase del processo di pensiero sul progetto si chiama Immersione. È in questo momento che la squadra di progetto identifica e si avvicina al contesto del problema, affrontandolo da diversi punti di vista. L'immersione è divisa in due sottofasi, denominate preliminare e approfondita. L'immersione preliminare mira a definire la portata del progetto e i limiti di azione, nonché a mappare gli attori chiave da affrontare. Qui è possibile effettuare un'indagine sui temi di interesse i cui le entrate d`informazione possono essere esplorati in profondità. L'immersione approfondita inizia con lo sviluppo di protocolli di ricerca, l'elenco degli utenti che verranno assunti per le interviste, nonché l'individuazione di bisogni e opportunità che guideranno le fasi successive. Durante la fase di immersione, nella raccolta di informazioni vengono utilizzate diverse tecniche del campo antropologico che aiutano a scomporre i diversi contesti dei problemi, come interviste, sessioni generative e quaderni di sensibilizzazione.
Analisi e sintesi
Dopo la fase di raccolta dei dati, il passo successivo è effettuare l'analisi e la sintesi delle informazioni raccolte. Per fare ciò, è necessario organizzare approfondimenti al fine di ottenere standard e creare sfide per aiutare a comprendere il problema.
Ideazione
L'ideazione è la terza fase del processo di pensiero sul progetto e mira a generare idee innovative per il tema del progetto. In questa fase, è comune tenere riunioni in cui gli attori coinvolti nel progetto sono divisi nelle squadre multidisciplinare per svolgere attività che stimolano la creatività. Questi incontri con persone di diversa estrazione e prospettiva sono fondamentali per l'ideazione delle migliori soluzioni al problema. Uno dei percorsi più comuni nella fase di ideazione è quello di utilizzare i seminari di co-creazione per riunire diverse prospettive e generare idee complete, tenendo conto di molteplici punti di vista. Le idee generate in questi incontri sono registrate in carte d`idee e vengono costantemente convalidate con dirigenti responsabili utilizzando, ad esempio, una matrice di posizionamento.
Prototipazione
Il prototipo è la fase di validazione e verifica dell'efficacia delle idee generate nella fase precedente di Ideazione. I prototipi aiutano a rendere tangibile l'idea, portando un concetto alla realtà. Le rappresentazioni sono divise in prototipi a bassa, media e alta fedeltà che vanno dalle versioni concettuali del prodotto, servizio o funzionalità ai modelli molto vicini al risultato finale. Nonostante sia presentato come una delle ultime fasi del processo di pensiero sul progetto, il prototipo è uno strumento flessibile che può verificarsi durante l'intero progetto. È molto comune eseguire piccoli periodi di test rapidi insieme alle fasi Immersione e Ideazione per modificare importanti miglioramenti nell'esperienza dell'utente finale.
Implementazione
Una volta che i prototipi sono stati testati e validati, le soluzioni più adatte alla realtà della società che soddisfano meglio le esigenze degli utenti vengono migliorate per l'implementazione. Questo è il momento migliore per assumere la mentalità innovativa, consentendo a valori come l'empatia e la collaborazione di mettere radici nel quotidiano. I pensieri del progetto sono il calcio d'inizio del cambiamento culturale nelle società, promuovendo le condizioni necessarie per l'innovazione e incidendo positivamente negli affari. È molto comune che il volume di idee di valore generato nella fase di ideazione e convalidato nella fase di prototipazione sia troppo grande per essere implementato subito dopo la fine del progetto. Inoltre, il livello di dettaglio di alcune soluzioni spesso richiede l'implementazione di ulteriori fasi di implementazione, che funzionano come piccoli progetti.
5.

Strumenti utilizzati nel pensiero sul progetto

Immersione

Ricerca esplorativa

È la ricerca preliminare sul campo che aiuta la squadra a comprendere il contesto su cui lavorare e fornisce entrata d`informazione per la definizione dei profili di utenti, attori e ambienti o momenti del ciclo di vita del prodotto / servizio che verranno esplorati in profondità Immersione.

La ricerca esplorativa facilita anche la familiarizzazione dei membri della squadra con le realtà in cui verranno utilizzati i prodotti e i servizi e aiuta a elaborare i soggetti da indagare nella ricerca sulla scrivania. 

Ricerca a tavolino

Ricerca a tavolino è la ricerca di informazioni sul tema del progetto in varie fonti come siti Web, libri, riviste, blog, articoli, tra gli altri. Il termine “tavolino” deriva dal desktop e viene utilizzato perché la maggior parte delle ricerche secondarie viene attualmente eseguita sulla base di riferimenti Internet sicuri.

Creata da un albero di temi correlati al progetto, la ricerca viene utilizzata per ottenere informazioni da fonti diverse dagli utenti e dagli attori coinvolti direttamente nel progetto.

Interviste

L’intervista è un metodo per ottenere informazioni attraverso il dialogo, che può essere supportato da altri strumenti del processo del pensiero sul progetto. Le relazioni hanno cercato di permeare l’argomento ricercato e i temi centrali della vita degli intervistati.

L’attività è particolarmente utile per comprendere le esperienze di vita dell’intervistato, nonché le loro opinioni e comportamenti. L’intervistatore deve incoraggiare il partecipante a spiegare il perché delle risposte in modo che possa comprendere il pieno significato di ciò che viene detto.

Le interviste seguono un protocollo prestabilito, che può essere flessibile in base alla conversazione. Analizzando i punti di vista degli intervistati, è possibile identificare le polarità e le somiglianze, nonché le loro origini e conseguenze, aiutando lo sviluppo delle persone e fornendo entrata d`informazione alla fase dell’ideazione.

Per esplorare ulteriormente i rapporti sulle interviste, è comune utilizzare tattiche e strumenti di osservazione per suscitare azioni, come l’archeologia dei fatti e le schede di evocazione culturale, rispettivamente.

Libretti per quanto riguarda la consapevolezza

Libretti per quanto riguarda la consapevolezza sono strumenti utilizzati per ottenere dati, di solito quando l’utente è fisicamente distante. Uno degli aspetti migliori di questo è la sua piccola interferenza mentre vengono registrate le azioni intraprese dal soggetto e la sua maggiore privacy in questioni più delicate.

Questi libretti sono anche ampiamente utilizzati nelle sessioni generative, consentendo una maggiore intimità con l’argomento durante lo scambio di esperienze.

Un giorno nella vita

Qui, il ricercatore simula la vita di una persona o una situazione studiata. In questa attività, i membri delle squadre possono ottenere approfondimenti sperimentando situazioni che normalmente non sperimenterebbero.

Posizionando il ricercatore al posto del suo oggetto di studio per un certo periodo (che può durare più di un giorno), l’attività genera empatia tra le parti e consente al professionista di interagire con altri contesti e punti di vista.

Sessioni generative

Le sessioni generative sono riunioni in cui le parti interessate del progetto sono invitate a svolgere attività insieme in cui presentano le loro opinioni e condividono esperienze sulle questioni relative al progetto. Giorni prima delle sessioni, i documenti di sensibilizzazione sono distribuiti in modo che i partecipanti si sentano più a proprio agio con l’argomento. L’approccio consente di arricchire le osservazioni fatte durante le interviste etnografiche.

Affiancamento

La tecnica d`affiancamento prevede di seguire un utente (o un altro attore del processo) in un determinato periodo che include la loro interazione con il prodotto o servizio analizzato.

Lo scopo dell’attività è capire come la persona che viene seguita si collega al contesto studiato, alle sue emozioni, aspettative e abitudini. Qui, il ricercatore non dovrebbe chiedere o interferire nel contesto, ma piuttosto registrare il processo in modo discreto, prendendo appunti, fotografando o filmando. 

Analisi e sintesi

Cartellini d`intuizone

I Cartellini d`intuizone sono considerazioni fatte sulla base di dati reali provenienti dalle ricerche esplorative, desk e approfondite che vengono trasformate in schede per facilitare la consultazione. Di solito contiene un titolo che sintetizza la scoperta e il testo originale raccolto nella ricerca.

Possono aiutare a creare il diagramma di affinità per identificare modelli e relazioni dei dati. Viene utilizzato in varie occasioni nella fase Immersione, sia per registrare i risultati chiave di una ricerca documentale sia per separare informazioni importanti dall’indagine approfondita.

Diagramma di affinità

Il diagramma di affinità viene creato dopo i cartellini d`intuizone sono organizzati, analizzati e raggruppati in base a presupposti come affinità, somiglianza, dipendenza o prossimità. Questo crea un diagramma che definisce i temi macro su cui lavorare.

Lo strumento: Diagramma di affinità è importante durante la revisione e l’organizzazione delle annotazioni. Può essere fatto in modo collaborativo e serve a identificare le aree di maggiore opportunità per un progetto.

Le informazioni possono essere riorganizzate tutte le volte che è necessario, ma è importante tenere registri di ogni versione del diagramma per aiutare a comprendere l’argomento e rendere più tangibile l’evoluzione del ragionamento.

Mappa concettuale

Le mappe concettuali forniscono un’organizzazione visiva semplificata di dati di campo complessi a diversi livelli di profondità. Lo scopo di una Mappa concettuale è di illustrare le connessioni tra i dati, consentendo un ragionamento più lineare e consentendo di estrarre nuovi significati dalle informazioni.

Troverai informazioni nel blog di MJV per aiutarti a capire quando usare la Mappa concettuale e vedere la sua applicazione pratica.

Criteri di guida

Sono linee guida sugli elementi che dovrebbero essere costantemente rafforzati durante lo sviluppo di un progetto. Questi criteri servono a determinare i limiti dei compiti, mantenendo il focus proposto.

Di solito derivano dall’analisi delle informazioni raccolte durante la fase di immersione. La presenza di criteri guida nel progetto garantisce l’identificazione delle problematiche necessarie per personalizzare la soluzione

Mappa dell'empatia

La mappa dell’empatia è una matrice che sintetizza le informazioni dei clienti su ciò che dicono, fanno, pensano e sentono. Lo strumento viene utilizzato quando sono presenti molte informazioni sul campo ed è necessario comprendere meglio il pubblico di destinazione.

La mappatura serve come base per identificare bisogni e opportunità per il progetto. La mappa dell’empatia è diviso in sei aree, che devono essere compilate in base alle seguenti domande sul cliente:

  • Cosa vede il cliente?
  • Cosa sente il cliente?
  • Cosa pensa e sente veramente il cliente?
  • Cosa fa e dice il cliente?
  • Quali sono le difficoltà del cliente?
  • Quali sono i risultati del cliente?
Personas

Personas sono archetipi fittizi che incarnano i valori del marchio. Rappresentano la prospettiva del cliente ideale e sono concepiti dalla sintesi di somiglianze e polarità nei comportamenti osservati in un dato gruppo. La costruzione di personaggi deve essere accompagnata da storie per illustrare le esigenze di questo utente fittizio e contenere informazioni quali età, genere e una descrizione del loro profilo comportamentale. Puoi trovare un caso pratico in cui sono state create persone per emulare i pazienti cronici di un ospedale nel nostro sito. 

Buyer Personas sono profili utili, reali e dettagliati sui clienti fedeli di un prodotto o servizio. Trattandosi di vere rappresentazioni, i Buyer Personas possono aiutare in attività più strategiche per la società, come il targeting dei contenuti, i miglioramenti della funzionalità e l’usabilità di applicazioni, siti e sistemi e nella personalizzazione del marketing via e-mail, tra gli altri vantaggi.

User journey

User Journey è una rappresentazione grafica delle fasi della relazione tra utenti e prodotti o servizi. Lo strumento ritrae visivamente il flusso di interazioni ed è utile per comprendere le reazioni dei clienti a situazioni impreviste, come possibili errori di usabilità.

Il percorso dell’utente deve essere una mappa dettagliata dettagliata del ciclo di relazioni con il cliente con la società, prima, durante e dopo l’interazione dell’utente con il prodotto o il servizio.

Può essere usato insieme alle Personas o cartellini d`intuizone, come questa applicazione di esempio of a journey to purchase a capitalization bond .

 

Cianografia

La cianografia è una matrice visiva schematica, che rappresenta semplicemente l’intero sistema di interazioni che caratterizzano l’erogazione del servizio. Qui, mappiamo i diversi punti di contatto del servizio e le azioni che i clienti hanno con loro, dalle operazioni visibili a quelle che si verificano “dietro le cortine”.

L’uso di una cianografia è consigliato quando si desidera visualizzare il servizio in tutti i suoi aspetti per trovare punti di miglioramento e nuove opportunità. Lo strumento descrive l’evidenza fisica del problema, i diversi attori delle interazioni e le interdipendenze lungo il viaggio, facilitando l’identificazione dei guasti e la sovraesposizione dei clienti.

 

Riformulazione

Riformulare è esaminare le domande senza risposta in una società da diverse prospettive, consentendo la decostruzione di credenze e ipotesi su una società, un prodotto o un servizio. È considerato il primo passo nella costruzione di soluzioni innovative.

Questo viene fatto in cicli di rimodellamento, che vengono ripetuti fino a quando le persone coinvolte nella risoluzione del problema non riescono a vedere la domanda attraverso prismi multipli. I cicli si dividono in acquisizione, trasformazione e preparazione.

Durante il ciclo di acquisizione, vengono raccolti dati su credenze o ipotesi di una parte interessata in merito al prodotto / servizio / affari. Le informazioni acquisite in questa fase saranno provate o eliminate dopo l’elaborazione.

Nel ciclo di trasformazione, le squadre del progetto mappa le informazioni raccolte e aggiunge nuove prospettive. In questa parte, è comune usare mappe mentali e viaggi, a seconda dello scopo. Infine, la preparazione è il momento in cui viene creato il materiale di consapevolezza. Questo materiale servirà a incoraggiare l’interlocutore a usare pensieri diversi da quelli che hanno creato il problema per risolverlo.

Ideazione

Brainstorming

Il brainstorming è un processo creativo che cerca di stimolare la generazione di un gran numero di idee in un breve lasso di tempo. Di solito è condotto in un gruppo e guidato da un moderatore responsabile di consentire di stimolare la creatività delle persone coinvolte senza perdere l’attenzione.

Al fine di generare opportunità per soluzioni creative, è comune che il gruppo partecipi durante la fase di immersione, nonché l’uso di dati, come Personas.

Il processo di generazione delle idee contiene un insieme di regole generali per potenziare il processo. Sono descritte di seguito:

  • Qualità attraverso la quantità;
  • Evitare di giudicare le idee;
  • Idee audaci sono benvenute;
  • Combinare e affinare idee;
Workshop di co-creazione

Il seminario di co-creazione è un incontro collaborativo tenuto dalla squadra di progettistas che riunisce individui di diversi settori per promuovere soluzioni innovative. Gli ospiti sono sempre delle parti interessate con qualche tipo di coinvolgimento nel problema da risolvere e possono avere una partecipazione diretta o indiretta al processo.

I seminari sono uno strumento molto utile per convalidare le idee di una squadra che non è necessariamente coinvolto nella quotidianità del progetto, ma che può contribuire in modo decisivo ai suoi progressi, come avere professionisti presenti solo durante User Jouney

 

Menu di idee

Il menu delle idee è un catalogo che sintetizza tutte le idee generate nel progetto, rendendole tangibili. Il risultato finale ricorda le azioni di implementazione tattica presenti in un piano di marketing.

Il menu include quasi sempre commenti sulle idee e sui loro risultati, e il risultato può essere stampato in formato di carta per rendere le idee tangibili in riunioni, workshop e presentazioni di progetti.

Matrice di posizionamento

È l’analisi strategica della convalida delle idee generate per risolvere un problema. La matrice comunica i vantaggi e le sfide dell’implementazione di ciascuna soluzione in modo che le idee più strategiche siano prioritarie durante la prototipazione.

La risorsa viene spesso utilizzata quando il volume delle idee è troppo grande per essere fatto contemporaneamente o quando alcuni completano gli altri. Per formulare una matrice di posizionamento, le idee generate nei seminari di co-creazione vengono elencate e quindi raggruppate in base a criteri quali urgenza o facilità di attuazione. La matrice può essere incrociata con altri strumenti per generare soluzioni più assertive per l’utente.

Brainwriting

Il Brainwriting è un incontro che ricorda il Brainstorming, ma si tiene prima dell’inizio della discussione creativa. Tutti dovrebbero scrivere le proprie idee in modo anonimo su pezzi di carta che verranno criptati. La tecnica consente ai professionisti o ai funzionari introversi nelle posizioni nella gerarchia d`affari, come stagisti e tirocinanti, di avere equità creativa. L’obiettivo è costruire una soluzione insieme.

C`è ancora un’altra versione di Brainwriting, in cui i partecipanti scrivono le loro intuizioni su fogli di carta per un periodo prestabilito e, alla fine, si scambiano i fogli. In questa dinamica, è possibile integrare le idee degli altri partecipanti.

Prototipazione

Prototipi di carta

Queste sono semplici rappresentazioni di interfacce grafiche con diversi livelli di fedeltà, ma sono disegnate a mano e cercano di rendere tangibile un’idea. Sono ampiamente utilizzati quando è necessario creare una soluzione digitale con meccanismi di interazione multipli o flussi di interazione complessi.

Modello di volume

Un modello di volume è una rappresentazione tridimensionale di un prodotto con vari livelli di fedeltà e viene utilizzato per ottenere un’idea dalla sua esistenza concettuale e trasformarla in qualcosa di concreto.

Allestimento

È una simulazione improvvisata che può rappresentare interazioni tra persone e oggetti, o dialoghi in cui vengono assunti determinati ruoli, con lo scopo di testare, costruire o dettagliare le fasi di una procedura per migliorare l’esperienza di un servizio.

Storyboard

Gli storyboard sono rappresentazioni visive di una storia attraverso le strutture statiche. Funzionano come script visivi e possono essere creati con disegni, collage, fotografie o qualsiasi altro tipo di tecnica di rappresentazione grafica.

Lo strumento è ben noto nel contesto audiovisivo e viene utilizzato per visualizzare le procedure filettate di una soluzione. Per costruire un buon storyboard devi avere un’idea chiara di cosa vuoi comunicare prima, costruendo una sceneggiatura scritta e poi separando la storia in sezioni.

Con lo storyboard, è possibile identificare i punti aperti in un flusso di prodotti o perfezionare un servizio finale.

Prototipi di servizio

Un prototipo di servizio è la simulazione di artefatti materiali, ambienti o relazioni interpersonali che rappresentano gli aspetti di un servizio, in modo da illuminare l’utente nel contesto della soluzione proposta e spiegare come il servizio dovrebbe funzionare idealmente.

Prodotto minimo praticabile

Il prodotto minimo vitale è un concetto derivato dalla metodologia snella, che è ben nota nel mondo degli affari e consiste nello sviluppo della versione più semplice possibile di un prodotto, servizio o funzionalità per ottenere la convalida del mercato della sua proposta di valore.

Il Prodotto minimo redditizio, come è anche noto, non deve essere confuso con un oggetto, dispositivo o sistema senza funzionalità. Il suo scopo è quello di testare il potenziale delle idee principali di un progetto e ottenere la sua approvazione da un determinato pubblico prima di investire in cicli più funzionali o in un layout seducente.

6.

Pensiero sul progetto + Metodologie Agili

Design Thinking + Agile Methodologies - Design Thinking - MJV Technology & Innovation

Il mondo è in fase di trasformazione. La tecnologia si sta evolvendo più rapidamente e le società devono adattarsi ai tempi che cambiano poiché i modelli d`affari prima di loro sono bruscamente minacciati da prodotti e servizi emergenti.

In generale, gli approcci tradizionali d`affari consistono nell’individuare opportunità di mercato la cui soluzione prevede lo sviluppo di nuovi software o l’incremento di uno esistente.

Tuttavia, il modo tradizionale di sviluppare soluzioni digitali è sempre più divergente dalle aspettative del mercato di un processo più agile e collaborativo che soddisfi le reali esigenze del consumatore. E per stare al passo con questo dinamismo, è necessario cambiare.

La buona notizia è che il numero di società che già comprendono l’importanza di concentrare gli sforzi sull’esperienza degli utenti e ottimizzare i processi interni è in aumento. E nella costante ricerca di nuove strategie di innovazione, l’unione tra il pensiero sul progetto e Sviluppo del metodo: Agile arriva con la proposta di aumentare la produttività della squadre per fornire continuamente soluzioni con un alto valore di mercato.

In pratica, l’utilizzo congiunto dei due approcci consente di apprendere dall’utente, testare e migliorare continuamente il prodotto finale, aggiungere innovazione ai risultati finali e creare soluzioni tecnologiche più assertive. Ma c’è di più. La combinazione del pensiero sul progetto e del metodo Agile aiuta ad allineare la cultura organizzativa della società con le dinamiche d`affari que sono richieste dal mercato attuale.

 

7.

Pensiero sul progetto + intelligenza negli affari

L’evoluzione dei media digitali è avvenuta molto rapidamente, dall’emergere del computer al boom che ha portato all’attuale scenario di tecnologia quasi onnipresente. Basta rendersi conto che i nostri smartphone hanno una maggiore capacità di archiviazione dei dati rispetto ai migliori computer degli ultimi decenni.

Ciò significa che sempre più dati vengono archiviati ogni secondo su Internet. Attualmente, individui e organizzazioni lasciano inevitabili “impronte digitali” ovunque vadano. E questo universo va oltre i siti Web e i social network, accessibili tramite i nostri computer, tablet e smartphone.

Anche la cosiddetta Internet delle cose si sta evolvendo ad alta velocità, causando profondi cambiamenti nel mondo degli affari e nelle esperienze delle persone. Televisori, frigoriferi, orologi e persino occhiali sono già sviluppati come dispositivi intelligenti, connessi e in grado di memorizzare e trasmettere dati. Inoltre, registrano abitudini e informazioni per il mercato. Dopotutto, più conoscenza la società ha sui suoi clienti, più conosce i suoi affari.

Prevedere le tendenze dei consumi è un compito enorme. Questo è il motivo per cui questo enorme volume di dati rappresenta un’opportunità per le aziende di essere in grado di riorientare i propri sforzi per garantire il successo negli affari prendendo decisioni basate su informazioni affidabili.

Traccie degli dati

Nel corso delle sue attività, una società genera e raccoglie molte informazioni, che generano i dati necessari per identificare gli aspetti che devono essere modificati e quelli che devono essere mantenuti. Questi dati sono il materiale di lavoro utilizzato dal processo di Intelligenza negli affari.

Il cosiddetto B.I. è il processo in cui le informazioni commerciali vengono estratte, attraverso varie tecniche, al fine di trovare miglioramenti nel processo decisionale della società. Questo, è fondamentale che la società mantenga organizzato il proprio database. Il database racconta la storia della società, i suoi problemi e le sue qualità.

Applicazione dell`intelligenza negli affari

La necessità di applicare l`intelligenza negli affari arriva in un momento in cui la società deve capire meglio cosa fare con i dati ottenuti. È importante, tuttavia, capire che l`intelligenza negli affari va oltre il rapporto tra la società e il suo consumatore. Questa metodologia integra le informazioni di tutti i settori della società per generare soluzioni ai conflitti interni e alla gestione d`affari, sia rispetto ai funzionari, clienti o fornitori. In altre parole, copre l’intera catena d`affari.

Intelligenza negli affari. + Pensiero sul progetto: Pensiero sul progetto come approccio complementare

Il focus del Pensiero sul progetto, l’aspetto umano e le esigenze degli utenti, si adatta perfettamente con l`intelligenza degli affari, perché è una metodologia potente, basata sull’analisi qualitativa e focalizzata sull’empatia con il pubblico di un prodotto o servizio.

L’opportunità di reinventare il suo modello di gestione è, in primo luogo, ammettere che le vecchie soluzioni non risolvono nuovi problemi. Per soddisfare questa esigenza di innovazione di processo, la combinazione d`intelligenza degli affari e pensiero sul progetto presenta un percorso completo dalla raccolta dei dati alle idee di test e azioni di attuazione.

La combinazione dell`intelligenza degli affari e il pensiero sul progetto raggiunge un livello senza precedenti di comprensione delle realtà negli affari. E lo fa incorporando i fattori soggettivi delle relazioni umane coinvolte nell’equazione. Il mix si traduce nella capacità di combinare dati numerici con il contesto sociale.