Ti sei imbattuto in un sacco di idee sparse e non sai da dove iniziare? L’Affinity Diagram è perfetto per coloro che hanno bisogno di uno strumento per organizzare pensieri e intuizioni.

Usato in modo complementare con il brainstorming, queste dinamiche possono facilitare la visualizzazione delle idee, identificare i problemi e migliorare i processi.

Continuate a leggere per imparare come creare un Diagramma di Affinità e capire come influisce sulla creazione e l’organizzazione delle informazioni.

Cos’è il diagramma di affinità?

Il Diagramma di affinità è uno strumento usato nel Design Thinking, che permette di organizzare le idee in una sessione di brainstorming.

L’obiettivo è quello di prendere una grande quantità di informazioni o intuizioni e capire l’essenza dietro quel contenuto.

La proposta è di raggruppare le idee in base all’affinità, alla somiglianza, alla dipendenza o alla vicinanza. 

Tutto questo viene poi messo in un diagramma contenente le macro aree che identificano un tema su cui lavorare, le suddivisioni e le interdipendenze.

È possibile assemblare il diagramma in due modi:

Quando e perché usarlo?

Dopo la fase di Immersione, i passi successivi del Design Thinking sono l’analisi e la sintesi delle informazioni raccolte. Questo è il momento in cui le intuizioni del Diagramma di Affinità sono organizzate per cercare modelli che aiutino a capire il problema.

Quando c’è una grande quantità di dati di ricerca (dalla tua postazione e sul campo), come fai a identificare le connessioni tra i temi e le aree di opportunità all’interno del progetto? Il modo migliore è organizzarli visivamente.

Dopo aver fatto alcune ricerche online, viene raccolto un grande volume di dati, e i risultati più rilevanti vengono catturati su delle Insight Cards. 

Le riunioni successive possono portare alla creazione del Diagramma di Affinità proprio per identificare i modelli e le interrelazioni tra questi punti di dati raccolti, così come le sessioni di ideazione collaborativa.

Un team multidisciplinare organizza poi queste intuizioni su una superficie piana, sia su carta che in modo digitale.

Visualizzare per capire, categorizzare per assimilare

Nel creare il Diagramma, si identificano temi, sottogruppi e criteri che aiutano a interpretare i dati. L’organizzazione può essere ricominciata più volte ed eseguita da diversi gruppi di persone a seconda della complessità del tema e della quantità di dati. 

Ciò che è essenziale è che ogni passo sia registrato e che il risultato finale contribuisca alla creazione di strumenti e alternative che saranno utilizzati nella fase di ideazione.

Esempio

Le schede di insight generate durante la ricerca dell’Hospital Center sono organizzate in un diagramma di affinità per sviluppare alternative innovative per il monitoraggio dei pazienti cronici.

Questo processo aiuta a identificare le connessioni tra i temi e produce nove aree di opportunità:

Dopo l’analisi, vengono identificate diciotto sfide, che vengono poi utilizzate nella fase di ideazione.

Come strutturare un diagramma di affinità?

1. Identificare l’asse tematico

È tipico che il kick-off del Diagramma di affinità sia la parte più impegnativa.

Selezionare quale problema o argomento dovrebbe essere affrontato. Rendeteli ampi per evitare pregiudizi.

2. Definire i partecipanti

Uno degli scopi principali del Diagramma di affinità è di sollevare diversi aspetti sullo stesso problema o idea. Perciò, le persone con profili diversi dovrebbero essere invitate a partecipare a questo team diversificato di professionisti.

I membri possono essere divisi in gruppi nella fase di organizzazione dell’idea. La cosa cruciale è garantire prospettive diverse.

3. Brainstorm

Per iniziare il Design Thinking Affinity Diagram, devi prima creare un gran numero di idee, opinioni e intuizioni. 

L’idea qui è la quantità sopra la qualità. Queste idee saranno classificate e ordinate in una fase successiva del diagramma.

4. Organizzare le idee

Una volta che le intuizioni sono state generate, la costruzione del diagramma può iniziare. Questo è il momento in cui farete la prima selezione di idee e le organizzerete. A questo punto del processo, dovreste raggruppare le intuizioni in grandi gruppi di contenuto simile. 

Importante: anche questo passo deve essere fatto collettivamente ma in silenzio. Questo aumenta la concentrazione dei partecipanti, evita lunghi dibattiti e incoraggia la collaborazione.

L’organizzazione deve essere sempre basata su: 

5. Preparare un piano d’azione

Con le tue idee organizzate, potresti chiederti cosa farne. Inizia una discussione usando il diagramma. Concentratevi sullo sviluppo di chiare linee di ragionamento per generare un piano d’azione basato sulle proposte presentate.

Vale la pena notare che il Diagramma stesso è già sufficientemente capace di presentare modelli interessanti e nuove idee, ma idealmente, la dinamica dovrebbe essere condotta ad un’ulteriore analisi.

Se sei interessato ad altri strumenti di Design Thinking, scarica il nostro e-book “Design Thinking – Innovation in Business” per saperne di più su questa metodologia.